Prima della mia partenza, il saluto con Teresa in effetti c’è stato. Mi ha chiamato dicendo che le serviva un passaggio; là per là sono stato tentato di mollarle una buca perché mi sentivo trattato da servo della gleba, ma riflettendo meglio è una scusa come un’altra, io ne avevo voglia e allora perché no? Ho preteso che mi offrisse una birra e in tutto siamo stati insieme meno di due ore. È un po’ più bella di prima. È stata anche più affettuosa, facendosi quasi intima man mano che il breve incontro progrediva. Le fa decisamente bene sentirmi meno premuroso e più distante.

Tornando a casa ho fatto uno squillo alla V, che stava già a letto e se non dormiva poco ci mancava. La sua voce stranamente mi è risultata sgradevole in misura insolita. Spero che durante l’intimità abbia una vocalità più armoniosa o dovrò tenerle la bocca costantemente tappata.

Ora basta pensare a queste due nanette. Da domani e per un po’ appartengo in esclusiva a una donna d’altra levatura. Se domattina non infilo un post, probabilmente se ne parlerà la settimana prossima. I’m off!

Advertisements