<!– La posta del quore –>

Per noia domenical-pomeridiana, ho scritto due lettere alla posta del quore. Confido nell’intelligenza del destinatario, ma chissà se mi risponde.


Cara Eli,

leggo la tua rubrica della posta in molte riviste; “Cuori di panna” e
“L’uomo postmoderno” sono le mie preferite. A tratti la rubrica ha un
taglio un po’ femminile, ma mi piace molto.

Ho bisogno di un consiglio. Sono un ometto sano, disponibile, diciamo
guardabile, intelligente, ragionevolmente istruito se non colto, con un
lavoro che mi piace e benestante – che non guasta.

Cerco una donna che sia sana (almeno non frigida), disponibile, diciamo carina, non fa niente se non è tanto intelligente, non fa niente se non è tanto istruita, anche colta o no non importa (se non lo è, basta che tenga spenta la TV quando ci sono io), con un lavoro o magari
disoccupata, basta che non si lamenti in continuazione che è disoccupata. Se invece si lamenta del lavoro può ancora andare. Vanno bene anche divorziate con figli a carico purché non si veda dalla faccia.

Dove sono? A parole l’87% delle donne italiane che conosco corrispondono alla descrizione, ma nella pratica per la strada non ne vedo. Né nei locali. Né nei supermercati. Se proprio devo dirla tutta, neanche in banca o alla posta ne ho mai avvistate. Di donne ne vedo, certo – più del 50% delle persone che vedo lo sono, ma purtroppo vengono meno su quasi tutti i requisiti – specialmente i primi tre.

Deduco che si nascondono accuratamente per potersi lamentare che non ci sono gli uomini che loro vogliono (che poi di solito corrispondono
all’87% della mia descrizione). Conosci i luoghi dove si riuniscono
segretamente? Rivelami il segreto, anche in privato.

Tuo devoto

Juan


Cara Eli,

leggo la tua rubrica della posta in molte riviste; “She” e “Donna per
tutte le età” sono le mie preferite. A tratti ha un taglio troppo poco
femminile, ma mi piace molto.

Ho bisogno di un consiglio. Sono una donna sana, disponibile, diciamo
guardabile, intelligente, ragionevolmente istruita se non colta, ho un
lavoro e riesco a sopravvivere – che non guasta.

Cerco un uomo che sia sano, disponibile, gentile, diciamo guardabile,
almeno un po’ intelligente, con un minimo d’istruzione (basta che non
monopolizzi la TV col calcio), tenero e magari non impotente. Ovviamente
lo vorrei con un lavoro, non posso certo considerare un disoccupato che
magari si lamenta sempre. Preferirei evitare i divorziati, specialmente
se hanno figli a carico: li trovo affascinanti ma sono uno stress e poi
le ex non mollano mai l’osso in un modo o in un altro.

Dove sono questi uomini? A parole l’87% degli uomini italiani che
conosco corrispondono alla descrizione, ma nella pratica per la strada
non ne vedo. Né nei locali. Né nei supermercati. Se proprio devo dirla
tutta, neanche in banca o alla posta ne ho mai avvistati. Di uomini ne
vedo, certo – quasi il 50% delle persone che vedo lo sono, ma purtroppo
vengono meno su quasi tutti i requisiti – specialmente i primi tre.

Deduco che si nascondono accuratamente per potersi lamentare che non ci sono le donne che loro vogliono (che poi di solito corrispondono all’87% della mia descrizione). Conosci i luoghi dove si riuniscono segretamente? Rivelami il segreto, anche in privato.

Tua devota,

Maria

Advertisements