<!– Dolores –>

Mi scrollo di dosso Teresa e le sue proposte inconcludenti e vado a
festeggiare un compleanno. Il festeggiato è Vittorio, batterista rock a
tempo determinato. Il gruppo di amici musicisti organizza una colletta;
gli regaliamo un doppio pedale per la cassa (tutututu-tutututu, tutu-tutu).

La pappa è eccellente: pasta al forno e torta rustica ai carciofi preparati da Giuliano; un insaccato “etnico” a base di prosciutto fatto dallo zio agricoltore di Vittorio con le sue proprie manine (vera star della serata); stessa provenienza per certo Aglianico giovane ma già autorevole; pane fatto in casa nel forno a legna della nonna di non ho capito chi; fra i dolci, un tiramisù e una caprese preparati da varie mamme. Io ho portato una bottiglia di Vino Nobile di Montepulciano 2003 che ha contribuito a mantenere il tasso alcolico globale a livelli accettabili.

Adele, la nuova ragazza di Vittorio, è carina e simpatica. Ancora più carina e potenzialmente più simpatica è la di lei amica Dolores. Qualche scambio di battute promette bene.

Spero di rivedere Vittorio molto presto. E Adele. E Dolores.

Advertisements